Home Page by K2 Home Page by JSN PageBuilder

DDL Concorrenza: una legge scritta dalle aziende, che non porterà alcun vantaggio, ma solo gravi ripercussioni per i cittadini.

Il titolo è del comunicato di Federconsumatori, che condividiamo, e pubblichiamo sotto, assieme alla dichiarazione della CGIL.

Sulla questione, ed in particolare sulla fornitura di energia elettrica, avevamo lanciato qualche mese fa, una petizione  al Parlamento: Manteniamo il "Servizio di maggior tutela" nella fornitura di energia elettrica."

Nel ddl “Concorrenza”, che arriverà in aula del Senato nelle prossime settimane, sono previste diverse misure, anche su materie che riguardano l'energia, tra le quali la fine del “servizio di maggior tutela” per le tariffe elettriche per gli utenti domestici e le piccole imprese.

Oggi sono circa 20 milioni gli utenti domestici che sono restati in questo sistema, mentre chi scelto di passare al “mercato libero”, secondo diverse ricerche, sta pagando tariffe più alte, in particolare le utenze con i consumi minori.

Per questo - associandosi a quanto già richiesto da associazioni sindacali, ambientaliste, dei consumatori – chiediamo un impegno concreto a Governo e Parlamento affinché, nell'esame in aula del ddl Concorrenza, venga cancellata la fine del mercato di maggior tutela, strumento necessario soprattutto per tutelare le utenze più deboli.

Nonostante il discreto successo delle adesioni, e soprattutto tante altri voci contrarie, oggi 2 agosto, il Governo ha fatto approvare, con voto di fiducia, il decreto in questione che sotto il falso titolo della "libera concorrenza" concede mano libera alle grandi aziende a sfavore dei consumatori.

Il Comunicato di Federconsumatori

Come temevamo è stato approvato con voto di fiducia il DDL Concorrenza.

Un decreto che, come abbiamo sempre affermato, non apporta alcuna novità positiva per i cittadini e sembra scritto su misura delle grandi aziende, specialmente in campo energetico, assicurativo e farmaceutico.

A confermarlo oggi è lo stesso Presidente della X Commissione Industria al Senato, che ha dichiarato come alcune norme contenute nel ddl Concorrenza "ne hanno fatto uno strumento per favorire o salvaguardare alcune grandi aziende come Enel, Generali, Unipol, Walgreens Boots Alliance e Big Pharma".

“La novità apportata dal Decreto che riporterà le conseguenze più dannose per i cittadini è quella che riguarda l’abolizione del mercato tutelato, che consegnerà i cittadini in pasto ad un mercato libero in cui non vi è la minima ombra di competitività e convenienza, ma è ricco di pratiche commerciali scorrette ed abusi.” – sostiene Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori.

Di fatto, l’85% dei circa 23 milioni di clienti del mercato di maggior tutela saranno “regalati” al maggiore operatore nel settore dell’Energia: dal 2019 chi non avrà scelto personalmente una propria compagnia sarà assegnato d’ufficio a quella che in precedenza garantiva la fornitura per conto dell’Acquirente Unico.

Se volessimo dare alle cose il proprio nome, questo si chiamerebbe monopolio, no concorrenza.

Altro grave passo indietro è stato fatto in tema di assicurazione, con il ritiro dell’abolizione sul tacito rinnovo per le polizze assicurative del ramo danni. Tale provvedimento estendeva l’abolizione del tacito rinnovo, pertanto, anche alle polizze del ramo danno non obbligatorie: con la sua eliminazione, ancora una volta, viene definita una norma in base agli interessi delle compagnie assicurative.

Ma l’elemento che giudichiamo più inconcepibile è la scelta del Governo di blindare con un voto di fiducia un provvedimento così delicato e rilevante, che avrà conseguenze estremamente importanti per i cittadini e per la vita delle persone. Favorire la discussione e la condivisione su tale disegno di legge sarebbe stata senz’altro la scelta più lungimirante e rispettosa dei cittadini, ma la ragionevolezza non sembra il tratto distintivo del Governo.

 

La dichiarazione della CGIL  

Ddl concorreza: Filippi (Cgil), stop maggior tutela danneggia utenti

Roma, 2 agosto – “È evidente, anche dalla maggioranza risicata con la quale è stato approvato, che il Ddl concorrenza provoca delle difficoltà reali, una su tutte riguarda la fornitura di energia elettrica, con l'obbligo per l'utente di passare al mercato libero contro il quale ci siamo battuti durante tutto l'iter del provvedimento”. È quanto dichiara il responsabile Politiche energetiche della Cgil nazionale Antonio Filippi.

“La soppressione dal 1 luglio 2018 del mercato di maggior tutela – spiega il dirigente sindacale – comporta un danno notevole per 23 milioni di utenti, tra famiglie e imprese, ai quali questo garantiva un prezzo più basso di circa il 20% rispetto alle tariffe applicate nel cosiddetto 'libero mercato'”.

“La Cgil – ricorda in conclusione Filippi – si è opposta a questa imposizione prevista dal ddl, ritenendo che l'unica regola per il passaggio volontario al mercato libero debba essere la convenienza, non l'obbligatorietà per legge”.
Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Chi è online

Abbiamo 536 visitatori e 3 utenti online

  • celindaebner9847170
  • coraldipietro0689356
  • jeffersoncave9805

Login

Vai all'inizio della pagina