Venerdì 14 febbraio, depositata in Cassazione la Proposta di Legge d’iniziativa popolare: “ALMENO IL 55%!”

pagina Fb: www.almenoil55percento.it

ALMENO 55% MODULO RACCOLTA_FIRME PDF

Almeno 55% vademecum Raccolta Firme

Il 14 febbraio mattina è stata depositata dai firmatari, presso la Cancelleria della Cassazione, la PdL d’iniziativa popolare: Pdl Almeno il 55%, intesa a far assumere al Governo italiano l’obiettivo del 55% di riduzione dei gas serra entro il 2030, come proposto per tutta la UE dalla presidentessa della Commissione UE Ursula von der Leyen e recentemente approvato a larghissima maggioranza dal Parlamento europeo.

Questi i punti fondamentali della PdL: 1. Costituzione di un fondo per il contrasto ai cambiamenti climatici per il conseguimento dell’obiettivo, da inserire nella legge di bilancio; 2. Azioni internazionali del Governo italiano per una “moratoria” mondiale dei combustibili fossili; 3. Provvedimenti del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca e del Ministero dell’Ambiente per la ricerca e l’educazione all’ambiente e alla sostenibilità; 4. Riduzione progressiva dei sussidi ambientalmente dannosi (SAD), erogati dal Governo a favore dei combustibili fossili per circa 19 miliardi di euro all’anno, in misura adeguata a coprire il “fondo fino all’entrata in vigore della carbon tax, che il Parlamento europeo sta approntando.

La PdL verrà inoltrata nei prossimi giorni per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che aprirà formalmente la campagna per la raccolta delle firme. Massimo Scalia, primo firmatario, ha ricordato: “La raccolta delle firme sarà un’occasione di informazione e mobilitazione dei cittadini sul tema dei cambiamenti climatici, delle loro drammatiche conseguenze e di quel che dobbiamo pretendere dai Governi. In particolare, quel che dobbiamo esigere dal nostro, che nel Piano Nazionale Energia e Clima prevede un vergognoso 33% (per i gas non ETS), abissalmente lontano dall’obiettivo UE, voluto per fronteggiare al massimo ‘la più grande minaccia di questo secolo’. Spero che anche grandi associazioni e le stesse organizzazioni sindacali vogliano darci una mano sostanziosa in questa sfida tanto impegnativa quanto necessaria”.

Roma, 14.02.2020

Massimo Scalia

massimo.scalia@uniroma1.it

19 marzo – Roma – La fondazione per lo Sviluppo Sostenibile Presenta il Rapporto sull’economia circolare in Italia 2020

Cari Soci e Amici della Fondazione,
a nome del Circular Economy Network, promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile insieme un gruppo di imprese e associazioni di imprese, siamo lieti di invitarvi alla  Conferenza Nazionale sull’economia circolare il 19 marzo 2020 a Roma, dalle ore 9:00 alle ore 13:00, presso la sala Nazionale Spazio Eventi, Via Palermo 10.

In occasione della Conferenza sarà presentato il secondo Rapporto sull’economia circolare in Italia 2020, elaborato in collaborazione con Enea e che, quest’anno, fornisce un approfondimento sul ruolo della bioeconomia in relazione alle attuali sfide ambientali.

L’economia circolare ha un ruolo decisivo nel Green deal: riduce gli impatti ambientali e climatici e genera vantaggi economici e occupazionali. La bioeconomia rigenerativa, settore quantitativamente e qualitativamente importante dell’economia circolare, può contribuire sia a consolidare il futuro di settori, come l’agroalimentare, già di successo, sia ad aprire nuovi sviluppi, in particolare col rilancio di siti e di attività industriali dismesse, sia di territori considerati marginali. Alla vigilia del recepimento di un pacchetto di nuove direttive europee e del lancio di un vasto programma europeo di Green deal, a che punto è l’Italia nell’economia circolare e nella bioeconomia? Quali sono le problematiche più importanti, le potenzialità e le priorità per il loro sviluppo?
La Conferenza sarà un’importante occasione per rispondere a queste domande proponendo un confronto con il mondo delle imprese, degli enti di ricerca, esperti, rappresentanti del Governo e della Commissione europea, su un tema di grande valore strategico per il nostro paese dal punto di vista ambientale ed economico.

A breve riceverete il programma dell’evento, nel frattempo potete bloccare la data in agenda e registrarvi usando il link di seguito:

Form di registrazione online |Link

In attesa di incontrarvi il 19 marzo, vi inviamo i nostri migliori saluti.

Segreteria Organizzativa

Via Garigliano, 61/a 00198 Roma
Tel. 06 8414815 – Fax 06 8414583
www.fondazionesvilupposostenibile.org

17 – 18 Febbraio – Milano “Ricomporre i divari. Politiche e progetti territoriali contro le diseguaglianze”

17 e 18 febbraio si svolge a Milano organizzato da Dastu Politecnico di Milano in collaborazione con il Forum Disuguaglianze e Diversità , il seminario “Ricomporre i divari. Politiche e progetti territoriali contro le diseguaglianze”.
Qui trovate il programma del seminario http://www.muoversincitta.it/ricomporre-i-divari/

La giusta transizione per la mobilità sostenibile – Materiali del convegno “Mobilità sostenibile al lavoro”

Dal sito muoversi in città e Kyoto Club i materiali del convegno di Torino del 30 e 31 gennaio “Mobilità sostenibile al lavoro”
La giusta transizione per la mobilità sostenibile: il resoconto e i materiali del convegno di Torino – di Anna Donati

11 . 02 – Roma – FLC-CGIL – “Sviluppo sostenibile e green new deal”

Roma, 11 febbraio, 2020

ore 9,30 – 14,30 CGIL Nazionale C.so d’Italia, 25

“Sviluppo sostenibile e green new deal”

non sono possibili senza ricerca e innovazione

ConvegnoFLC11022020

I materiali del convegno:

Comunicazione di Carlo Buttarelli Responsabile FLC CGIL ENEA

Green New Deal comunicazione 11 febbraio 2020

La presentazione di Roberto Morabito – ENEA

Transizione verso la decarbonizzazione e l’economia circolare. L’impegno dell’ENEA

11-02-2020CGILslides2 (1)